Articolo



Come identificare i Transistor



I tre standard di identificazione dei transistor sono:
 

Joint Electron Device Engineering Council (JEDEC).

Questo prende la forma di:
numero, lettera, numero seriale, [suffisso]
la lettera è sempre 'N' ed il primo numero di solito corrisponde al numero di giunzioni a parte 4N e 5N che sono riservati per i fotoaccoppiatori. Il numero seriale va da 100 fino a 9999 e non dice niente riguardo le caratteristiche del transistor.
Il suffisso (opzionale) indica in modo approssimativo a che gruppo di guadagno (HFE) appartiene il transistor:
A = guadagno basso
B = guadagno medio
C = guadagno alto
Nessun suffisso = senza gruppo (qualsiasi guadagno)
La ragione di questo raggruppamento risiede nel fatto che i dispositivi a basso guadagno sono leggermente più economici e quindi offrono un certo margine di risparmio negli acquisti di grandi quantità (1 cent di Euro in meno moltiplicato per 1.000.000 transistor fa un risparmio di 10.000 Euro).
Esempio- 2N3819, 2N2222A, 2N904, 1N4148.

Japanese Industrial Standard (JIS)

Questo prende la forma di:
numero giunzioni, S, lettera, numero seriale, [suffisso]
La seconda lettera è sempre 'S' ed il primo numero di solito corrisponde al numero di giunzioni.
La seconda lettera indica l'area di applicazione secondo il seguente codice:
A: PNP HF transistor            B: PNP AF transistor
C: NPN HF transistor            D: NPN AF transistor
E: Diodes                       F: Thyristors
G: Gunn devices                 H: UJT
J: P-channel FET/MOSFET         K: N-channel FET/MOSFET
M: Triac                        Q: LED
R: Rectifier                    S: Signal diodes
T: Avalanche diodes             V: Varicaps
Z: Zener diodes
Il numero seriale va da 10 a 9999. Il suffisso (opzionale) indica che il tipo è stato approvato per l'uso da varie organizzazioni giapponesi.
Nota: poichè spesso il codice del transistor inizia per 2S, qualche volta viene omesso nella marcatura così che un 2SC733 diventa C733. Questo è possibile verificarlo abbastanza spesso nelle apparechhiature commerciali giapponesi (radio, registratori, ecc.).

Esempio- 2SA1187, 2SB646, 2SC733, 1SS133.

Pro-electron.

Questo prende la forma di:
due lettere, [lettera], numero seriale, [suffisso]
La prima lettera indica il materiale di costruzione:
A = Ge    (germanio)
B = Si    (silicio)
C = GaAs    (arseniuro di gallio)
R = materiali composti.
Non c'è bisogno di dire che oramai tutti i transistor iniziano per B.
La seconda lettera indica l'applicazione del dispositivo:
A:    Diodo RF       
B:    Variac
C:    transistor, AF, per piccoli segnali
D:    transistor, AF, di potenza
E:    Diodo Tunnel
F:    transistor, HF, per piccoli segnali
K:    dispositivo ad effetto Hall
L:    Transistor, HF, di potenza
N:    Fotoaccoppiatore
P:    dispositivo sensibile alle Radiazioni
Q:    dispositivo che produce Radiazioni
R:    Thyristor, per basse potenze
T:    Thyristor, di potenza
U:    Transistor, di potenza, switching
Y:    Rettificatore
Z:    Zener, o diodo regolatore di tensione
La terza lettera indica che il dispositivo è per un uso industriale invece che per uso commerciale. Di solito è W,X,Y o Z. Il numero seriale va da 100 a 9999. Il suffisso indica il gruppo di guadagno a cui appartiene come per lo JEDEC.

Esempio- BC108A, BAW68, BF239, BFY51.

Fuori standard.
Oltre a questi tre standard altri costruttori introducono la loro codifica personale probabilmente per ragioni commerciali (mettono nel loro codice il proprio nome) o per enfatizzare che appartengono ad applicazioni speciali.
I più comuni prefissi commerciali sono:
J:      Motorola, di potenza, involucro metallico
MJE:    Motorola, di potenza, involucro plastico
MPS:    Motorola, bassa potenza, involucro plastico
MRF:    Motorola, transistor per HF, VHF e microonde
RCA:    RCA
RCS:    RCS
TIP:    Texas Instruments, transistor di potenza (involucro plastico)
TIPL:   TI, transistor di potenza, planare
TIS:    TI, transistor per piccoli segnali (involucro plastico)
ZT:     Ferranti
ZTX:    Ferranti
Esempio- ZTX302, TIP31A, MJE3055, TIS43.

Questa pagina è una libera traduzione di una pagina trovata su internet (corretta per lo standard JIS)
ed è proprietà dell'autore citato qui sotto. Può essere rimossa in qialsiasi momento su richiesta dell' autore.

Mark
email: mark-r@snow_white.ee.man.ac.uk







Questo sito fa uso di cookies. Se non sei daccordo con l'uso di questi non proseguire la navigazione in questo sito. http://www.aboutcookies.org

All news

Google site search
imageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimage

Top Ten
wall-G cacciatore1 cora servolin beaminpillole teoservi cosasonoidatasheet easybotchassis basetondaperrobot identificazionedeitransistor
TECHNO-RING










gammitalia.org



Locations of visitors to this page


Do NOT follow this link or you will be banned from the site!Do NOT follow this link or you will be banned from the site!