Articolo


I Servocomandi PULS


   Con questa serie di articoli è mia intenzione mettere a disposizione degli appassionati di robotica e BEAM, schemi utili a realizzare dei servocomandi proporzionali di tipo a comparazione di impulso.
  • Il primo articolo tratta la teoria e la tecnica di funzionamento.
  • Il secondo articolo tratterà di circuiti realizzati a componenti discreti; transistor, resistenze, diodi e condensatori.
  • Il terzo tratterà alcune applicazioni con circuiti integrati. (Componenti purtroppo obsoleti)
  • Il quarto tratterà circuiti per il pilotaggio e il test.
   Già a partire da questa presentazione vorrei iniziare col fare alcune considerazioni generali. La robotica hobbistica nasce e si sviluppa da due filoni fondamentali, il modellismo e l’automazione industriale.

  Il modellismo mette a disposizione interessanti elementi utili a realizzare le parti meccaniche, mentre l’automazione industriale da gli spunti per la realizzazione di logiche e le tecniche di controllo e comando. Ahi me però ne l’una ne l’altra danno informazioni sul come fare a realizzare il “controllo e comando” cioè la parte che interfaccia i segnali con l’attuatore (motore).

  Spesso chi si occupa di automazione non conosce in modo dettagliato il funzionamento di quelle parti nei sistemi di controllo si occupano dell’attuazione e della misura, spesso queste informazioni sono relegate agli uffici di progettazione dislocati in Germania o Giappone.

  E chi fa modellismo? Di elettronica a volte sa poco o nulla. E allora dove cercare le informazioni? Servirebbe lavorare nei posti chiave dove quelle cose vengono progettate e messe a punto, per sapere come fare; e questo non è possibile a tutti.

  Avendo una grande passione per i servocomandi, lavorando presso una azienda dove si progetta automazione, ho potuto conoscere e imparare. Ma il sapere fine a se stesso a che serve?

  Il modellismo e l’elettronica usata nei sistemi di comando e radio comando mi ha appassionato e perciò mi sono dedicato a fare “reversing engineering” così mi sono messo ad esplorare il mondo dei servi di vecchio tipo, ricavando così gli schemi in essi contenuti e poi provandoli.

  Il risultato di tutto ciò non è stato solo l’appagamento di una curiosità, ma anche il sapere come funziona il servo Futaba piuttosto che il servo Olympic o Simprop. Il vedere le diverse soluzioni e capirne così il concetto.

  È proprio di concetti che inizieremo a parlare in questi articoli, vedremo degli schemi con diverse soluzioni e così scopriremo come funzionano i “Servocomandi a Comparazione di Impulso” che nei vari articoli saranno chiamati: “Servi PULS”.

                                                                                                       Stefano




Scritto il: 13.09.2010 - 20:19
Modificato: 13.09.2010 - 20:29




Questo sito fa uso di cookies. Se non sei daccordo con l'uso di questi non proseguire la navigazione in questo sito. http://www.aboutcookies.org

All news

Google site search
imageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimage

Top Ten
wall-G cacciatore1 cora cosasonoidatasheet beaminpillole milsemillimetri teoservi servolin identificazionedeitransistor easybotchassis
TECHNO-RING










gammitalia.org



Locations of visitors to this page


Do NOT follow this link or you will be banned from the site!Do NOT follow this link or you will be banned from the site!